Intervista a Atalya Ben Abba, israeliana “refusenik” contro l’occupazione.

bastaguerre!,Biellesi per Palestina libera 26 gennaio 2018 | 0 Comments

Anche in Israele c’è chi lotta contro l’occupazione della Palestina e l’aparthaid sono i “refusenik”, coloro che rifiutano di aderire al servizio militare e prendere le armi contro i palestinesi. Qui di seguito ripotiamo una intervista a Atalya Ben Abba, una di loro, apparsa su il manifesto.

Lotto assieme ad Ahed Tamimi, basta oppressione

Intervista di Michele Giorgio a Atalya Ben Abba in carcere per quattro mesi per aver rifiutato il servizio militare.  I refusenik di 20 o 30 anni fa non andavano nei Territori occupati. Oggi il rifiuto è totale e immediato»

Atalya Ben Abba ha 20 anni e il volto di una bambina. La sua determinazione, le sue scelte però l’hanno già resa una donna adulta, che sa ciò che vuole e, più di tutto, cosa non deve fare. In attesa di andare all’università lavora in una Ong di Tel Aviv che assiste ragazzi vittime di gravi violenze domestiche. Ma appena un anno fa ha trascorso quattro mesi in una cella di un carcere militare.
Una pena terminata con l’espulsione dalle Forze Armate.
La sua “colpa” è stata quella di dichiararsi una obiettrice di coscienza totale e contro l’oppressione del popolo palestinese.

«Mi sono rifiutata di far parte dell’Esercito perché l’occupazione israeliana sulla Palestina è ingiusta e deve finire. Fare il servizio di leva avrebbe tradito le mie convinzioni e gli ideali in cui ho sempre creduto».   Atalya Ben Abba in questi giorni è attiva nella campagna di sostegno ad Ahed Tamimi, la (quasi) 17enne palestinese arrestata, incarcerata e sotto processo per aver schiaffeggiato a dicembre due soldati israeliani davanti casa sua a Nabi Saleh, in Cisgiordania. «Ho incontrato il padre, Basem Tamimi, e gli ho consegnato la lettera firmata da oltre 100 adolescenti israeliani (e inviata al ministro della difesa Lieberman, ndr) di rifiuto di far parte dell’occupazione. Gli ho detto che sosteniamo la lotta che porta avanti e che vogliamo lottare insieme».

Abbiamo incontrato la giovane refusenik israeliana qualche giorno fa a Gerusalemme.  Chi è Ahed Tamimi per te e per gli altri giovani israeliani che rifiutano di far parte delle Forze armate.
È un chiaro esempio di coloro che non possono più sopportare di vivere sotto l’oppressione e la violenza. E che hanno il bisogno di lottare contro di esse. Sosterrò la sua battaglia in tutti i modi che mi saranno possibili. In Israele la condannano perché ha schiaffeggiato i soldati. Ed è assurdo perché Ahed Tamimi vive in condizioni terribili e aveva visto il cugino ferito alla testa (da colpi sparati da soldati israeliani, ndr). Ma in Israele questo nessuno non lo dice. Nessuno parla di come i palestinesi sono trattati dall’esercito. Dicono soltanto: come ha osato schiaffeggiare e umiliare i nostri soldati.

Cosa hai voluto affermare manifestando in pubblico la tua obiezione di coscienza
Ho voluto prima di tutto che la mia decisione avesse un impatto sulla società israeliana, per far ascoltare le ragioni del mio rifiuto. In pubblico ho potuto denunciare che stiamo facendo cose brutte che devono cessare, come rubare la terra ai palestinesi e risorse come l’acqua oppure compiendo detenzioni amministrative (senza accuse formali e senza processo,ndr). Andare in prigione è stato un atto di responsabilità nei confronti della mia società.

Come hanno reagito i comandi dell’Esercito alla tua posizione
Più o meno con “…ecco una ragazza giovane e stupida che ha bisogno di svegliarsi perché non saremo indulgenti con la sua follia…”. Il comandante della prigione mi diceva che sarei potuta diventare un’ottima soldatessa e che accettando la leva avrei cambiato il sistema al suo interno. Sono stata in prigione quattro volte perché il massimo periodo di detenzione (per questi casi) è di un mese. Alla fine di ogni mese di carcere mi chiedevano di accettare la leva e di fronte al mio rifiuto mi rimettevano in cella.

Come è stato il carcere militare. Hai subito abusi.
No o forse sono stati abusi legali. In quel tipo di prigione senti davvero di essere nelle Forze armate. Devi indossare l’uniforme, c’è un comandante. È stato difficile ma allo stesso tempo molto interessante. Un periodo dal quale ho imparato molto. Ricordo che in cella eravamo sette ragazze. Le altre in gran parte avevano disertato per vari motivi, non erano obiettrici. Perciò erano sorprese dalle ragioni che mi avevano portato in quella prigione.

Come la società e le persone intorno a te hanno reagito alla tua decisione. Le Forze Armate erano e restano la spina dorsale dello Stato di Israele.
Il 98% per cento della società mi ha visto come una traditrice, una che rifiuta di assumersi le sue responsabilità. Almeno all’inizio molti pensato questo. Poi ho spiegato le mie ragioni ad un po’ di persone, ho detto che avrei potuto usare delle scorciatoie (per non entrare nell’Esercito) e che invece ho preferito dichiarare le mie idee in modo da farle conoscere ad altri. Qualcuno mi ha detto che sono stata coraggiosa.

Di recente diverse ragazze israeliane hanno detto di no al servizio militare. È un fenomeno nuovo
Non lo definirei nuovo. Va avanti da tempo, siamo collegate tra di noi, attraverso la rete Mesarvot. E non riguarda solo le donne ma anche i ragazzi. In questo momento è in carcere come obiettore Mattan Helman e siamo in contatto con lui e la sua famiglia. Siamo un gruppo di attivisti che lavora insieme.

I refusenik non sono nuovi nella storia delle Forze Armate israeliane. Qual’è la differenza tra quelli di venti anni o trent’anni fa e quelli di oggi
La differenza è netta. Allora affermavano il loro rifiuto su punti specifici, come il servizio di leva nei Territori occupati o di determinate operazioni militari. Il nostro rifiuto invece è totale, respingiamo di far parte del sistema militare perché anche una semplice segretaria comunque partecipa all’occupazione. Noi non facciamo il servizio e poi rompiamo il silenzio come alcuni soldati. Noi lo rifiutiamo subito.

il manifesto, 21/1/2018

Leave a Reply